Silvia Fiaschi, il restauro del Cesare Dandini a Sovigliana

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Foto di Paolo e Claudio Giusti, 2009

 

Chiesa di San Bartolomeo a Sovigliana, Vinci.

Soggetto: “Discesa dello Spirito Santo”.

Descrizione: La Vergine e gli Apostoli sono in piedi con i volti e le braccia rivolte in alto verso la colomba dello Spirito Santo che appare in un alone di luce. Sopra la fronte degli apostoli vi è una fiammella.

Autore: Cesare Dandini (sec. XVII)

Materia e tecnica: Olio su tela.

Misure: 192 x 289 cm ca.

Commissionata al pittore dal parroco Domenico Testi, intorno alla metà del 1600, come è documentato dallo stemma, dipinto sul primo gradino. Continua a leggere

Silvia Fiaschi: il Crocifisso di Sovigliana

Crocifisso_Sovigliana_Fir_bassa

IL CROCIFISSO LIGNEO DELLA CHIESA DI SAN BARTOLOMEO

SOVIGLIANA  (VINCI)

Restauro a cura di Silvia Fiaschi

Direzione Lavori dott.ssa Anna Bisceglia

IMG_0003

Particolare del volto e intero prima del restauro

Il restauro del Crocifisso mi fu commissionato da don Giovanni Grimaldi, l’allora parroco, un ottantenne con l’energia e l’apertura mentale e fisica di un trentenne, il quale, prima di andarsene, voleva lasciare la Chiesa in ottime condizioni. In pochi anni riuscì a trovare finanziamenti per il tetto, il consolidamento e il risanamento architettonico, l’imbiancatura, per il campo di calcetto e chi più ne ha ne metta… in questa occasione fui chiamata per il restauro delle opere che si trovavano all’interno della Chiesa ritrovandomi faccia a faccia con questa splendida scultura il cui stato conservativo era a dir poco compromesso. Continua a leggere

Dal Blu Bardini al Blu di Klein

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da Reality n. 73, edito da http://www.ctedizioni.it

Immaginiamo i funzionari del comune di Firenze, incaricati di redigere l’elenco delle opere d’arte lasciate in eredità, nel 1922, alla Città del Giglio, da Stefano Bardini. Quando aprirono quelle stanze del Palazzo di piazza de’ Mozzi rimasero a bocca aperta. Un incredibile blu fiordaliso diffondeva le sue sottili variazioni nelle sale, faceva da sfondo a tavole, sculture, cornici rinascimentali, quando non trecentesche. Impossibile da capire. Non fecero nemmeno una foto agli ambienti. Continua a leggere