Guido Carocci e la Galleria della Collegiata di Empoli

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ricordo di Empoli

Edito a cura del Proposto G. Bucchi

Firenze, Tip. Lit. A. Francolini

Via Condotta 4

(Collezione Famiglia Guerri, Empoli)


 

LA GALLERIA DELLA COLLEGIATA D’EMPOLI

da: Le Gallerie Nazionali Italiane

 Notizie e documenti

Roma

Per cura del Ministero della Pubblica Istruzione. 1898, vol. IV

MUSEO COLLEGIATA 4

Seconda sala della Galleria della Collegiata
Collezione Famiglia Guerri, Empoli

 

La Pieve Collegiata di Sant’Andrea a Empoli è l’edificio più interessante e più artisticamente pregevole dì quell’ampia e popolosa terra che fu un giorno emporio del commercio fiorentino.

Sorta nel 1093, serba di quel tempo lontano la parte inferiore della sua facciata, rivestita di marmi bianchi e neri di uno stile identico a quello della Basilica di San Miniato al Monte, di San Salvatore del Vescovo, della Badia Fiesolana e, si può aggiungere, del Battistero di Firenze, fabbriche tutte che sorsero o vennero ridotte in quello stesso tempo.

Continua a leggere

Pentachiari

chiari web

Giuseppe Chiari, Senza titolo, 1992, tecnica mista su carta intelata
Courtesy Collezione privata Firenze e Tornabuoni Arte

PENTACHIARI

 CINQUE GALLERIE D’ARTE CELEBRANO SIMULTANEAMENTE L’OPERA DI GIUSEPPE CHIARI

 

Galleria Santo Ficara, Firenze;

Galleria Frittelli, Firenze;

Galleria Armanda Gori, Prato;

Galleria Il Ponte, Firenze; 

Galleria Tornabuoni, Firenze

 

inaugurazione sabato 2 dicembre, 2017

 


Nell’ambito delle iniziative promosse in occasione del decennale della scomparsa di Giuseppe Chiari, sabato 2 dicembre 2017, dalle ore 11 alle 23, a Firenze e Prato, avrà luogo la mostra PentaChiari – cinque gallerie d’arte celebrano simultaneamente l’opera di Giuseppe Chiari, a cura di Bruno Corà.

Le Galleria promotrici dell’evento sono: Galleria Santo Ficara, Firenze; Galleria Frittelli, Firenze; Galleria Armanda Gori, Prato; Galleria Il Ponte, Firenze; Galleria Tornabuoni, Firenze. Continua a leggere

Cosimo Rosselli, il Convegno

Incontro_Cosimo_Rosselli

L’Accademia delle Arti del Disegno

 in collaborazione con

Ufficio Diocesano per l’Arte Sacra e Fondazione Friends of Florence

organizzal’incontro di studio dedicato a


COSIMO ROSSELLI (1443 – 1507): TRE RESTAURI

Un maestro del Rinascimento fiorentino riconsiderato

 

8 novembre 2017

Dalle ore9.30 alle 13.00

Dalle ore 15.00 alle 18.30

Accademia delle Arti del Disegno

Sala delle Adunanze, Palazzo dell’Arte dei Beccai

via Orsanmichele 4, Firenze

 

Il giorno 8 novembre 2017, la mattina dalle ore 9.30 alle 13.00 e nel pomeriggio dalle ore 15.00 alle 18.30, l’Accademia delle Arti del Disegno ospita nella Sala delle Adunanze del Palazzo dell’Arte dei Beccai, in via Orsanmichele n. 4 a Firenze,una giornata di studio dedicata a Cosimo Rosselli (1439-1507), uno dei più grandi pittori del secondo Quattrocento fiorentino e titolare di operose botteghe.

L’incontro è promosso dall’Accademia delle Arti del Disegno, in collaborazione con l’Ufficio Diocesano…

View original post 882 altre parole

Il Rinascimento Giapponese al primo cambio…

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Il Rinascimento Giapponese
La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo

La prima grande rassegna di capolavori della pittura giapponese su paravento provenienti da templi buddhisti zen e da musei nazionali, municipali e privati del Giappone cambia pagina

Aula Magliabechiana, Uffizi
3 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018

Da martedì 31 ottobre 14 nuove opere sono state svelate sostituendo completamente la prima sessione dell’esposizione e offrendo al visitatore un percorso completamente nuovo tra paesaggi ad inchiostro e in foglia d’oro, tesori nazionali e le scuole pittoriche più rappresentative del rinascimento giapponese.

Continua a leggere

Giulia Cantoni, la Pala di Antonio Puglieschi in San Firenze

 

Puglieschi_dopo_restauro_w

Antonio Puglieschi, L’Immacolata Concezione e Santi. Dopo il Restauro. Foto ©Alena Fialová.    Su concessione del Fondo Edifici di Culto – Ministero dell’Interno.

 

 Su incarico della Dott.ssa Celani, funzionaria della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e per le province di Prato e Pistoia, ho avuto l’occasione di intraprendere uno studio iniziale sulla monumentale pala d’altare di San Firenze e sul suo esecutore, Antonio Puglieschi (Firenze, 1660-1731).

Il nome del pittore è per lo più sconosciuto al grande pubblico, studiato da una ristretta nicchia di ricercatori – in particolare Sandro Bellesi -, ma doveva essere un nome di grande prestigio nel panorama artistico dell’età tardo barocca toscana, essendo stato scelto come pittore per questa pala che godeva di massima visibilità.  Continua a leggere

Eike Schmidt: una nuova visione degli Uffizi

 

presentazione sito web e logo uffizi

Una nuova stagione digitale

di  Eike Schmidt

Firenze, 27 settembre 2017

Il nuovo sito web apre una stagione inedita per le Gallerie degli Uffizi, una fase nuova in cui finalmente il pubblico potrà essere messo direttamente a contatto con l’Istituzione (che include il Complesso Vasariano, Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli) creata come struttura autonoma nel 2014. Questa è stata anche l’occasione per concepire ex novo il sito e adattarlo alle esigenze della normativa vigente: in questo modo, non solo si favoriscono la consultazione e la ricerca, ma si soddisfano anche le regole sulla trasparenza delle attività amministrative. Prima di tutto è stato necessario sgominare e far chiudere una pletora di siti falsi che occupavano il dominio “Uffizi” mai protetto prima. Erano davvero tanti, prevalentemente nati per vendere biglietti a prezzo maggiorato: alcuni purtroppo sono ancora attivi perché fondati all’estero – per eliminarli ci vorranno tempo e lunghe cause civili – ma intanto l’impatto di un’informazione diretta da parte nostra giocherà un ruolo decisivo. Continua a leggere

Fabio Genovesi visto da Susanna Bernabei

 

Nell’incontro di presentazione del libro “Il mare dove non si tocca” con l’autore Fabio Genovesi avvenuto presso il MUVE, Museo del Vetro ad Empoli per VIRUSLIBROEXTRA – Libreria Rinascita di Empoli, ho potuto acquisire la dedica autografa dello scrittore.

La dedica in immagine evidenzia un soggetto in cui l’ironia e lo sguardo divertito trasfigurano una realtà che solitamente non è evidente a tutti.

Vivacità di pensiero e di azione tra creatività e dinamismo connotano una vena artistica che corre sul filo della meraviglia, dello stupore di fronte alle stravaganze della vita.

L’immaginazione è lo strumento che permette di affrontare le vicende personali  al di là di “qualsiasi maledizione”.

Susanna Bernabei

Ambrogio Lorenzetti a Siena

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

 

A Siena, presso il Santa Maria della Scala, dal 22 ottobre 2017 al 21 gennaio 2018, sarà allestita la mostra dal titolo Ambrogio Lorenzetti. L’esposizione, promossa e finanziata dal Comune di Siena, gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica che sarà presente alla cerimonia d’inaugurazione il 20 ottobre, e del patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Toscana, si preannuncia come l’evento più importante dell’anno tra le esposizioni organizzate non solo a Siena ma anche in Italia. Continua a leggere

Una tavola sconosciuta con San Sebastiano di Francesco di Giovanni Botticini

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Botticini - S.Sebastiano Siminetti

Da: Bollettino d’Arte, vol. 18 (1924-25), p. 337-350

(trascrizione di Paolo Pianigiani)

 

Francesco di Giovanni Botticini fu definito un « eclettico ». La sua arte divenne, per­tanto, come un alveo capace dove liberamen­te andarono a convergere e a confluire tutte le indeterminate correnti, le indecise attribu­zioni e le minori manifestazioni anonime della pittura fiorentina del XV secolo, le quali, mo­vendo da Domenico Veneziano sino al Baldovinetti, al Verrocchio e al Ghirlandaio, dai Pollaiolo al Botticelli e a Cosimo Rosselli, si poterono riconnettere in qualche modo, sti­listicamente, a questi artisti. Continua a leggere