Luisa Generali su Masolino a Empoli

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le opere in Santo Stefano a Empoli.

La Madonna col Bambino di Masolino da Panicale

di Luisa Generali (*)

 

La notizia documentata da Giovanni Poggi nel 1905[1] riguardo ai lavori di Masolino (1383/1384-1436 ca.) nella cappella della Croce, confermò l’ipotesi di Bernard Berenson[2] che per primo aveva attribuito all’artista la lunetta raffigurante la Madonna col Bambino e due angeli (fig.1), datata 1424[3] e collocata nella testata del transetto destro di Santo Stefano, sopra la porta della sagrestia.

Continua a leggere

Annunci

La giovinezza di Masolino

 

Masolino_Empoli

L’enigma della giovinezza di Masolino

di Ugo Procacci

 

da: Masolino a Empoli

Catalogo della Mostra

Chiesa di Santo Stefano degli Agostiniani – Collegiata di S. Andrea

Empoli settembre 1987

 

Uno dei punti più problematici della vicenda di Masolino è la sua giovinezza, della quale, allo stato delle conoscenze attuali, si sa poco o quasi nulla.

Ad Ugo Procacci, colui che ha scoperto le sinopie e gli affreschi della Cappella di Sant’Elena ad Empoli e che ha trovato e pubblicato tanti documenti relativi ai pittori operosi a Firenze nel Quattrocento, è stata richiesta la Sua autorevole presenza in que­sta pubblicazione.

Ugo Procacci ha risposto con una lettera in cui invita la redazione del catalogo a ri­pubblicare alcune sue pagine particolarmente significative per tentare di risolvere il pro­blema della giovinezza di Masolino.

Il professor Procacci comunica inoltre nella stessa lettera la sua ipotesi di lavoro di un lungo soggiorno di Masolino in Ungheria durante la sua giovinezza. Tale soggiorno spiegherebbe la mancanza di documenti a Firenze relativi a questa fase della vita di Masolino. Continua a leggere

Gli atti del Convegno un anno dopo

invito003

 

A distanza di un anno dal Convegno “Da Caravaggio, il San Giovanni Battista Costa e le sue copie”, che si tenne a Empoli, nella Chiesa conventuale di Santo Stefano degli Agostiniani, sono stati pubblicati gli Atti, e saranno presentati sabato prossimo 11 Giugno nella stessa Chiesa che gli empolesi chiamano “Santagostino”, con la partecipazione di alcuni relatori e la presentazione dell’evento da parte di Bruno Santi.

Come si ricorderà il Convegno fu ideato da Walfredo Siemoni e promosso dalla Misericordia di Empoli.

Continua a leggere

Osaka 1970, l'Expo. C'era anche un Masolino empolese…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel 1970 si svolse a Osaka la prima vera apertura dell’Oriente all’Europa. L’Expo. Lo visitarono in massima parte i giapponesi, me la presenza dei padiglioni dei principali paesi del mondo fu di eccezionale livello. L’Italia partecipò con un bellissimo progetto dello Studio Valle, realizzato in acciaio e vetro.

Un altro padiglione, progettato da Renzo Piano, illustrava i fasti delle industrie italiane. Continua a leggere

Osaka 1970, l’Expo. C’era anche un Masolino empolese…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel 1970 si svolse a Osaka la prima vera apertura dell’Oriente all’Europa. L’Expo. Lo visitarono in massima parte i giapponesi, me la presenza dei padiglioni dei principali paesi del mondo fu di eccezionale livello. L’Italia partecipò con un bellissimo progetto dello Studio Valle, realizzato in acciaio e vetro.

Un altro padiglione, progettato da Renzo Piano, illustrava i fasti delle industrie italiane. Continua a leggere

Ugo Procacci: Sinopie e Affreschi a Santagostino.

Ugo Procacci in una foto di Cecilia Frosinini del 1978

Ugo Procacci, foto di Cecilia Frosinini, 1978

Una delle cappelle che presenta i maggiori problemi di lettura, fra quelle ancora perfettamente conservate a Santagostino,  è quella di Sant’Elena, la cappella affrescata da Masolino nel 1424 e riscoperta da Ugo Procacci nel 1943. Nel suo ormai quasi introvabile “Sinopie e Affreschi”, edito nel 1960 per i tipi della Electa Editrice, parla diffusamente del suo ruolo nella riscoperta delle sinopie di Masolino, che erano rimaste sotto lo scialbo voluto dai frati Agostiniani, che preferirono un “colorino galante”, alle pitture di uno dei maggiori artisti del Quattrocento fiorentino. Queste sinopie, che furono staccate ed esposte nel 1957, alla grande mostra di Forte Belvedere a Firenze, di cui questo libro costituisce il catalogo e la testimonianza, da troppi anni sopravvivono allo scorrere del tempo e delle sue ingiurie. In pratica sono quasi scomparse. Il ricordo di Masolino va a morire, nonostante le lampade che cercano disperatamente di ritrovarne i contorni.

Ma per nostra fortuna in questo straordinario volume le sinopie sono presenti, fotografate benissimo, pur con le apparecchiature di allora.

Ve ne proponiamo alcune, insieme al commento del grande studioso fiorentino..

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tavole 62-69

Masolino da Panicale: Cristo portacroce e Storie della Vera Croce (sinopie) – Empoli, S. Agostino.

Le sinopie di Masolino da Panicale, nella cappella del­la S. Croce in S. Stefano di Empoli, furono rinvenute, da chi scrive queste note, nel 1943 in seguito a ricerche fatte in base a documenti. Questi ci facevano in­fatti sapere che la cappella — della cui ubicazione si era perduto il ricordo — era stata affrescata da Masolino per la somma di settantaquattro fiorini d’oro, e che era stata finita di dipingere, con ogni probabi­lità, il 2 di novembre del 1424. Purtroppo degli affre­schi — se si fa eccezione di alcuni compassi con Santi a mezza figura, nell’intradosso dell’arco di ingresso, e di due bellissime teste muliebri negli sguanci della finestra — nulla è rimasto, perché nell’agosto del 1792 i frati dell’annesso convento, riuniti capitolarmente, deliberavano con sei voti favorevoli e uno contrario, di … scortecciare, stonacare e rintonacare di nuovo… quando non si creda che faccia pregiudizio e dispiacere al pubblico il demolire le pitture grossolane e di niun pregio ivi esistenti, e così rintonacato il muro darli un fondo di un colorino galante… A compensare in parte tanta perdita, sono ora tornate alla luce le sinopie delle distrutte composizioni (Cat. 13, 16-19) le quali, oltre che costituire un prezio­sissimo documento per la conoscenza dell’arte di Masolino, possono veramente essere annoverate tra le più belle a noi pervenute del primo Quattrocento. Le figure e le cose vi appaiono eseguite a solo con­torno, salvo qualche raro accenno di ombreggiatura; ma le linee sono sempre nette e sicure senza alcun pentimento, e le composizioni, anche se alcune volte accennate appena con pochi tratti, magistralmente concepite, in una chiara distribuzione degli spazi; ovunque poi domina quella sensibilità delicata e si­gnorile che rende sempre di una bellezza inconfon­dibile e di gran fascino le pitture di Masolino; non di rado si giunge infine al capolavoro. Si veda così la fragile figura del Cristo portacroce che sembra evocare — e siamo invece nel 1424 — ricordi angelichiani (tav. 62), o il Redentore sorgente dal sarcofago (tav. 63), o il giovanile Santo guerriero di un’assoluta purezza di linee nella sua cristallina sem­plicità (tavv. 68 e 69); si guardi la sapienza con cui è composta la scena della prova della Vera Croce, strettamente collegata al corteggio, purtroppo in par­te svanito, di S. Elena e del suo seguito verso Geru­salemme (tav. 67); ecco la regina di Saba inginoc­chiata con la sua corre davanti al ponticello sul fiume Siloe (tav. 65) ed Eraclio addormentato nella propria tenda (tav. 64) vigilata dai soldati, di ben altra ef­ficacia, pur nella simile composizione, dell’analoga scena negli affreschi di Agnolo Gaddi in S. Croce. Ed infine, a concludere la sacra leggenda, la decapi­tazione di Cosroe (tav. 66); una sequenza veramente meravigliosa, che però, proprio per questo, non può non farci ancor più amaramente rimpiangere la scom­parsa dei corrispondenti affreschi.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Tavole 70 e 71

Masolino da Panicale: Decapitazione di S. Caterina (sinopia e affresco) – Roma, S. Clemente.

Molto più studiate ed elaborate di quelle di Empoli — l’artista operava ora per la corte papale — ci ap­paiono le sinopie che Masolino eseguì a Roma in S. Clemente, affrescando nel 1428, o poco dopo, una cappella per il cardinale Branda da Castiglione. Non si ha più ora, sia nella Crocifissione — per le parti che appartengono al nostro artista (Cat. 20) — sia nella bellissima decapitazione di S. Caterina, il dise­gno tracciato solo nei contorni, ma anche ombreggiato e chiaroscurato per mettere in risalto il rilievo delle figure; però, nonostante questo cambiamento tecnico, lo spirito che anima composizioni e personaggi è lo stesso: e così il carnefice di S. Caterina a Roma non può non richiamare subito alla mente il carnefice di Cosroe a Empoli.

Qualche cambiamento fu apportato dall’artista nel passaggio dalla sinopia all’affresco; il più notevole si ebbe nella figura della Santa in attesa del colpo di spada che le troncherà la vita: ora è in ginocchio, in preghiera, e non più, come nel disegno, accasciata a terra, in posizione succube, che forse non piacque, preferendosi un più altero comportamento di fronte al martirio; ma la prima invenzione di Masolino era, dal lato artistico, più perfetta.


Annamaria Giusti, Museo della Collegiata, Chiese di S. Andrea e S. Stefano

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel lontano 1988, la dott.ssa Annamaria Giusti compilò per l’editore Calderini di Bologna una guida ai beni artistici empolesi che è, a mio parere, la migliore tuttora disponibile, sia per l’accuratezza delle schede delle opere d’arte, che per la sua completezza. Un documentato servizio fotografico accompagna il testo e, pur limitato alle tecniche disponibili in quel periodo, rende perfettamente l’idea dell’alta qualità del nostro patrimonio. Continua a leggere

L’organo di Santagostino e il maestro Alessandro Pelagatti

Questo slideshow richiede JavaScript.

  _DSC0080

Il bellissimo organo risale al 1756, come ci dice la scritta di un cartiglio, ricorda il donatore che pagò l’esecuzione, certo Giuseppe Sardelli; che era un religioso agostiniano di questo convento, evidentemente ben fornito di denari propri. In precedenza, nel 1558, l’organo stava nel transetto a destra, sopra la lunetta ad affresco di Masolino da Panicale. Fu spostato sul fondo di chiesa circa 100 anni dopo e rinnovato nelle sue parti lignee nel 1756. Nel 1771 fu chiamato il maestro d’organi Antonio Tronci da Pistoia, che provvide a ricostruire la cassa armonica, che nel frattempo si era deteriorata.

Il maestro Alessandro Pelagatti ha eseguito, nell’ambito del concerto tenuto dal Coro di Santa Cecilia di Firenze nella chiesa di Santo Stefano degli Agostiniani, famigliarmente detta Santagostino dagli empolesi, il 13 Dicembre 2014, un brano composto dal Maestro Alessandro Benassai, intitolato “Veni Creator”.

Paolo Pianigiani: Concerto del Coro Santa Cecilia di Firenze a Santagostino

Questo slideshow richiede JavaScript.

macchianera 3

Diciamolo subito: è stato un grande successo. La chiesa conventuale di Santo Stefano degli Agostiniani era piena al limite delle sue pur grandi possibilità. Non c’era un posto a sedere a pagarlo oro e anche quelli in piedi latitavano. Le cappelle laterali erano stipate di ascoltatori, letteralmente rapiti dal concerto che si è tenuto il 13 Dicembre, giorno di Santa Lucia.

Già alle 21 la chiesa era piena, mezz’ora buona prima dell’inizio del concerto. Gli stessi componenti del Coro mi hanno detto che non si aspettavano una accoglienza così importante. Eppure sono abituati ai successi, che vanno a raccogliere in tutta Europa. L’ultimo a Siena, dove si sono esibiti a novembre di quest’anno.

tastiera

Un fuori programma d’eccezione è stato dedicato al nostro Organo, realizzato nella sua struttura attuale nel 1771, dal noto maestro d’organi Antonio Tronci da Pistoia: il Maestro Alessandro Pelagatti ha eseguito il brano musicale “Veni Creator”, composto dal Maestro Alessandro Benassai, direttore del Coro Santa Cecilia di Firenze.

macchianera 6

La violinista Farfurì Nuredini si è esibita in un “a solo” di particolare intensità e bellezza, che ha trasmesso al pubblico emozioni profonde e indimenticabili.

Come indimenticabile resterà la scenografia d’insieme, con le splendide Coriste simili a vestali nel loro completo verde pastello, e con i Coristi elegantissimi nel completo di scena. Il Maestro Alessandro Benassai ha diretto ogni momento del concerto, con gesti misurati, padrone assoluto dei suoni e dei canti che hanno raggiunto l’infinito cielo, nella splendida armonia acustica e scenografica di Santagostino. Che ritrova ogni volta la propria antica dignità di luogo di preghiera e di accoglienza, con le sue antiche mura e le sue opere d’arte, volute dai nostri antichi concittadini.

Empoli ha bisogno di eventi musicali di questa qualità e intensità d’emozioni, che vanno ben al di là dei tanti e pur belli spettacoli natalizi, ma toccano e stringono con forza, coinvolgendola fino in fondo, l’essenza più vera della nostra Cultura.

Un grazie sicuramente va agli amici (da oggi in poi, carissimi e da seguire anche nei loro prossimi concerti) del Coro Santa Cecilia di Firenze, che sono venuti qui da noi a titolo completamente gratuito (mi pare giusto dirlo), e alla nostra Misericordia, che ha curato da par suo e con la consueta bravura l’organizzazione dell’evento.

Le foto di Marcantonio Perugino

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Studi scoperte restauri in Santo Stefano degli Agostiniani a Empoli

Quaderni della Misericordia di Empoli

Pubblicazione curata da Walfredo Siemoni, edita in occasione della presentazione dei recenti restauri a Santo Stefano degli Agostiniani

Sabato 29 Novembre 2014, cappella della Compagnia della Croce, Santo Stefano degli Agostiniani, Empoli

Presentazione dei recenti restauri conclusi su alcune opere d’arte presenti nella chiesa.

Programma dei lavori:

Introduce:

Il Governatore della Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Empoli,

Pier Luigi Ciari

Relatori:

Don Guido Engels (Proposto di Empoli)

Dott.ssa Annamaria Giusti (già Direttrice dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze)

Dott.ssa Cristina Gnoni Mavarelli (Soprintendenza per i B.S.A.E) per le provincie di Firenze, Prato e Pistoria

Silvia Fiaschi – Restauratrice

Laura Caria – Restauratrice

Walfredo Siemoni (responsabile del Progetto)

Studio 4 – Restauratori

Servizio fotografico a cura di

Marcantonio Perugino

064 tn

Questo slideshow richiede JavaScript.