Ejzenštejn agli Uffizi

Questo slideshow richiede JavaScript.

07 Novembre 2017

 

Ejzenštejn: la rivoluzione delle immagini

 

In occasione del centenario della Grande rivoluzione socialista in Russia
a cura di Marzia Faietti, Pierluca Nardoni ed Eike Schmidt

Sale di Levante, Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi
7 novembre 2017 – 7 gennaio 2018

 

Con Ejzenštejn. La rivoluzione delle immagini le Gallerie degli Uffizi ricordano i cento anni dalla rivoluzione socialista in Russia attraverso le opere grafiche di uno dei più grandi rivoluzionari della cultura del Novecento.

La multiforme attività del regista, teorico e strenuo disegnatore Sergej M. Ejzenštejn (Riga, 1898 – Mosca, 1948) fu per il mondo delle immagini ciò che la sollevazione del 1917 fu per gli assetti sociali, politici ed economici dell’impero russo (e non solo), con in più la capacità di durare nel tempo, ispirando generazioni di artisti.

L’esposizione presenta i molteplici aspetti del talento di Ejzenštejn in un percorso che unisce l’attività del disegnatore a quella del cineasta, trovando uno speciale filo conduttore nel riferimento all’arte italiana del tardo Medioevo e del Rinascimento. Continua a leggere

Annunci

Il restauro del Chiostrino dei Voti alla SS. Annunziata: la scheda tecnica

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Documentazione durante il restauro

Foto di Antonio Quattrone

IL RESTAURO DEL CHIOSTRINO DEI VOTI

Il restauro degli affreschi e dell’apparato decorativo del Chiostrino dei Voti nella Basilica della SS.Annunziata a Firenze, si è svolto dal 2013 al 2017, grazie al finanziamento della Fondazione no-profit Friends of Florence.
L’intervento è stato eseguito dalle imprese Gioia Germani e S.A.R.snc di Cristiana Conti ed Alessandra Popple, con il patrocinio del Comune di Firenze (Arch.Caselli, Arch.Sforzi) e l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza ( Dott.ssa Teodori, Dott.ssa Ciseri, Dott. Paolini).
Il Chiostrino dei Voti Il ciclo pittorico, costituito da dodici lunette affrescate, è da sempre stato considerato la culla del manierismo fiorentino in quanto ospita opere dei più importanti artisti di quella corrente, che lavorarono sotto la guida di Andrea del Sarto. Continua a leggere

Il restauro del Chiostrino dei Voti

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lunette prima e dopo il restauro

foto di Antonio Quattrone

 

IL CHIOSTRINO DEI VOTI IN SANTISSIMA ANNUNZIATA RESTAURATO
GRAZIE AI FRIENDS OF FLORENCE

 

Dopo un meticoloso restauro durato quattro anni il Chiostrino dei Voti della Santissima Annunziata di Firenze torna a mostrarsi nel pieno della sua bellezza.
L’intervento agli affreschi e a tutto l’apparato decorativo, realizzato dal 2013 al 2017, è stato reso possibile grazie a una donazione di 467.000,00 € da parte della Fondazione non profit Friends of Florence.
I lavori sono stati eseguiti dalle imprese Gioia Germani e S.A.R.snc di Cristiana Conti e Alessandra Popple, sotto la Direzione lavori del Comune di Firenze (Arch.Giorgio Caselli, Arch. Fabio Sforzi) e con l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza (Dott.ssa Brunella Teodori, Dott.ssa Ilaria Ciseri, Dott. Claudio Paolini). Continua a leggere

Musica rinascimentale alla Galleria dell’Accademia

FIG 1

Giovanni di Ser Giovanni detto Lo Scheggia, Cassone Adimari, Firenze, Galleria dell’Accademia

 

Concerto Musica Rinascimentale

 

Dalla più alta Stella

Capella de la Torre

Lunedì 23 ottobre ore 19.00

 

Lunedì 23 ottobre alle ore 19.00 presso la Galleria dell’Accademia di Firenze si terrà il concerto Dalla più alta stella dell’orchestra Capella de La Torre.

Il concerto, fortemente voluto da Cecilie Hollberg, Direttrice della Galleria dell’Accademia di Firenze, è organizzato e finanziato in collaborazione con l’Associazione degli Amici della Galleria dell’Accademia di Firenze. Continua a leggere

Galleria degli Uffizi: Leone X in restauro

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le foto per la diagnostica


 

 

Sono presentate oggi, 17 ottobre 2017, le prime ipotesi di restauro collegate alle indagini preliminari compiute sul dipinto di Raffaello Sanzio, Ritratto di Papa Leone X de’Medici con i cardinali Giulio de’Medici e Luigi de’Rossi.

Un dipinto dotato di un’enorme fama sia per l’aura che ha circondato da subito il suo eccellentissimo autore, che per la capacità mimetica, sia dei tessuti che degli altri materiali presenti nella rappresentazione, non ultimi gli incarnati, sulla cui resa materica Giorgio Vasari nelle sue Vite si è dilungato con meritata enfasi. Continua a leggere

La Pala di Antonio Puglieschi descritta da Sandro Bellesi

Puglieschi_dopo_restauro_w

Da:

La maturità artistica e l’ultimo tempo di attività del pittore Antonio Puglieschi,

di Sandro Bellesi

«Arte Cristiana», 1996, 1, pp. 41-53

….

Dopo i lavori realizzati nei can­tieri ecclesiastici di San Frediano in Cestello e di San Vincenzo Ferreri, Antonio Puglieschi è documentato tra gli artisti impegnati nella decora­zione pittorica e scultorea di uno degli edifici barocchi più rinomati del capologo toscano: la Chiesa di San Firenze. Attivo in contempora­neità con Alessandro Gherardini, Niccolò Francesco Lapi, Giovan Camillo Sagrestani, Tommaso Redi, Giovacchino Fortini e Antonio Montanti, per citare i nomi più noti, il pittore eseguì nel 1715 la pala con l’Immacolata Concezione e i Santi Carlo Borromeo, Teresa D’Avila, Emiliana de’ Cerchi, Francesco di Sales, Filippo Neri e Ignazio di Loyola.

L’opera, collocata sull’altare maggiore e paga­ta duecento scudi, rappresenta una delle prove più complesse e impe­gnative dell’intera produzione sacra dell’artista. Circondata da Dio Padre e da un gruppo di angeli e cherubi­ni è visibile la dolcissima immagine della Vergine, effigiata nella posa tipica dell’Annunziata. Dallo sfondo paradisiaco essa volge lo sguardo protettivo al folto assemblage di santi, raffigurati nella parte inferiore del dipinto con i loro attributi relativi. Gli orientamenti classicisti caratteristici dell’opera di Puglieschi sono evidenti anche in questa tela, soprat­tutto nelle figure delle sante, esem­plate su modelli di Vincenzo Dandini (cfr. le pale in Ognissanti e in Santa Felicita a Firenze, 1670-1672), e in quelle di Carlo Bor­romeo e della Vergine, utilmente confrontabili con alcune pitture di Redi e di Franchi.

….

La tela di Antonio Puglieschi, recentemente restaurata da Guglielmo Colonna, si trova sull’altarmaggiore della chiesa di San Firenze, che appartiene al Fondo Edifici di Culto – Ministero dell’Interno.

Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri

 

 

Restaurata la pala di Antonio Puglieschi, nella chiesa di San Firenze

Firenze,_complesso_di_San_Firenze_(02).jpg

Chiesa di San Firenze

Sabato 7 Ottobre 2017, alle ore 19:

Inaugurazione del Restauro della pala d’altare di Antonio Puglieschi

 

Note del restauro:

Restauro di un dipinto raffigurante “L’Immacolata Concezione e i Santi Carlo Borromeo, Filippo Neri, Ignazio di Loyola, Francesco  di Sales, Teresa d’Avila, e la Beata Umiliana de’ Cerchi”.

Autore: Antonio Puglieschi (1660 – 1732). Misure cm 580 X 340.

Dipinto centinato con cornice intagliata e dorata a foglia.

Situato sull’altare maggiore della chiesa di S. Firenze.

Per le sue dimensioni e per la collocazione nella nicchia d’altare il dipinto ha richiesto delicate operazioni di rimozione e ricollocazione. Continua a leggere

Il Rinascimento Giapponese agli Uffizi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Rinascimento Giapponese

La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo

Aula Magliabechiana, Uffizi

3 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018

 

Si apre agli Uffizi una grande mostra, la prima del suo genere in Europa, sull’arte giapponese corrispondente al periodo italiano dal primo Rinascimento agli inizi del Seicento: si tratta di paraventi pieghevoli e porte scorrevoli, molti dei quali Tesori Nazionali e Proprietà Culturali Importanti e provenienti da musei, templi e dall’Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone. Le opere, su carta e perciò delicatissime, saranno esposte in tre rotazioni di 13 alla volta, al fine di garantirne la conservazione dall’esposizione alla luce. Continua a leggere