Una riscoperta e un evento alla Certosa di Calci

Certosa X_01.jpg

Museo Nazionale della Certosa di Calci

Sabato 14 aprile 2018, ore 16,30.

Inaugurazione di un nuovo ambiente riaperto al pubblico nel percorso di visita:

la Quadreria del Priore con l’affresco ritrovato di Pietro Giarrè.

Grazie alla generosità del Rotary Club Cascina, alla sovvenzione District Grant e al contributo della società A.T.E.F.I. srl, il percorso espositivo del Museo nazionale della Certosa di Calci si arricchisce di una parte importante dell’appartamento priorale: la sala/quadreria, la cappellina privata dalle elegantissime decorazioni parietali, l’affaccio sul giardino del Priore con lo splendido grottesco che arreda e decora il muro di cinta che separa il giardino dagli orti.

In questa sala, grazie all’intesa della direzione del Museo nazionale con la direzione del Museo di Storia naturale dell’Università di Pisa, è stato esposto l’affresco realizzato nell’ottobre del 1770 sulla parete esterna che si affaccia nel Chiostro delle Foresterie, o chiostro priorale, e strappato per motivi legati alla sua conservazione sul finire degli anni ‘70 del novecento.

L’affresco, raffigurante San Bruno, fondatore dell’Ordine certosino, era stato commissionato dai Padri certosini al pittore fiorentino Pietro Giarrè per ricordare il cospicuo contributo di 500 scudi  che la Certosa, insieme agli altri monasteri dell’ordine, aveva offerto per la realizzazione della statua  del santo che ancor oggi si trova in San Pietro a Roma, scolpita in marmo dallo scultore fiammingo, naturalizzato francese, Renè Michel Slodz nel 1744 e a questa opera il pittore si era ispirato.

La sala scelta per l’esposizione dell’affresco, un arioso ambiente nella cui volta è dipinta la Gloria di San Bruno, copia del dipinto eseguito da Pietro Giarrè nel corridoio grande che conduce al chiostro dei Padri, ospitava in antico e fino all’abbandono del convento da parte dell’Ordine, la Quadreria del Priore nella quale spiccavano le incisioni con Storie della vita di Cristo e alcuni quadri di valore quali ad esempio i ritratti dei Priori che sono stati qui ricollocati.

Rivediamo oggi tali opere nel loro contesto d’origine, ricreando così l’atmosfera di elegante riservatezza che aveva nei secoli caratterizzato gli ambienti di vita del Priore.


Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci  
via Roma, 79  56011 Calci (Pi)
Tel. 050 938430

Polo Museale della Toscana
Lungarno Anna Maria Luisa De’ Medici n. 4
50122- FIRENZE – Tel. 05527189759/833
pm-tos@beniculturali.it

www.polomusealetoscana.beniculturali.it


 

EVENTO-ANTICA-FARMACIA-CERTOSA-com.-Stampa-versione-2-1_Pagina_3

La Certosa di Calci accoglie il Green-Theatre di Renato Raimo

UN EVENTO ARTISTICO e CONVIVIALE finalizzato alla raccolta di fondi per il RESTAURO della ANTICA FARMACIA della CERTOSA.

Renato Raimo – Isabella Turso

in “SPOGLIATI nel TEMPO”

 dall’Associazione degli Amici della Certosa di Pisa a Calci

In collaborazione con

Polo Museale della Toscana

Museo Nazionale della Certosa di Calci.

 e il fattivo contributo di

FederFarmaPisa

e

Associazione Sarda – Grazia Deledda.

 

 L’evento

Certosa di Calci – Appartamento Granducale

Sabato 14 aprile ore 21.00

Domenica 15 aprile ore 19.00

A seguire cena conviviale

 

L’Associazione degli Amici della Certosa di Pisa a Calci nell’ambito della sua attività di promozione culturale e in collaborazione con la Direzione del Museo nazionale della Certosa di Calci, intende concorrere alla riqualificazione della Antica Farmacia.

L’Associazione degli Amici della Certosa di Pisa a Calci nata dal “Comitato per salvare la Certosa” che è stato in prima linea nella raccolta delle firme che hanno posizionato il monumento al secondo posto de I Luoghi del cuore del FAI, si è proposta un nuovo ambizioso progetto: il restauro della Antica Farmacia della Certosa,

 

L’evento artistico del 14 e 15 aprile 2018.

 

Per raccogliere i fondi necessari al restauro delle decorazioni parietali della Farmacia e alla sua valorizzazione, l’Associazione degli Amici della Certosa si è affidata alla sensibilità e alla volontà di Renato Raimo da tempo impegnato a riportare il teatro nelle sale dei grandi palazzi e nelle dimore storiche che offrono con i loro preziosi ambienti, scenografie e arredi naturali, in un’ottica di green-theatre, attraverso il quale proporre ad un pubblico eterogeneo, un’ atmosfera più intima e di grande suggestione.

La seducente Foresteria Granducale si trasformerà in un vero palcoscenico sul quale si svolgerà un momento unico di arte e convivialità.

 

Sabato 14 aprile e in replica domenica 15 aprile 2018, la  Certosa di Pisa, sarà il palcoscenico dello spettacolo letterario-teatrale-musicale “Spogliati nel Tempo”,  creazione dell’attore e regista Renato Raimo e della pianista Isabella Turso.

In questa originale pièce, in tour in Italia dal 2016, i due artisti hanno congiunto la propria competenza e sensibilità artistica per realizzare uno spettacolo teatrale in cui l’amore viene raccontato in una dimensione onirica, dove sogno, fantasia e realtà talvolta si confondono. Una riflessione leggera e profonda, sobria e passionale su come sia cambiato, nel tempo, il modo di scrivere o di dire «Ti Amo»!

Ed è proprio l’Amore, il vero protagonista, raccontato attraverso le riflessioni dell’uomo di oggi e le lettere dei grandi personaggi del passato, con il tratteggio musicale dei grandi classici e di brani originali della stessa Isabella Turso: un viaggio nell’intimità di Mozart, Voltaire, Napoleone, Beethoven, Wilde, attraverso  spaccati di vita vissuta dove si intrecciano, sogno, fantasia e realtà fino ad arrivare ai nostri giorni contraddistinti dal linguaggio degli smartphone e degli sms.

Seguirà lo spettacolo un momento di convivialità nei suggestivi  ambienti della Certosa con la degustazione in una cena buffet di cibi e vini del territorio…

 

I proventi delle due serate contribuiranno al raggiungimento dei 38.000 euro necessari al restauro delle decorazioni che ornano gli ambienti della Farmacia.  Tutti gli spettatori diventeranno così mecenati e sostenitori del progetto.

 

Per raggiungere un obbiettivo ambizioso ci vuole grande sensibilità e spirito di iniziativa. Per questo si è pensato che non vi fosse soggetto migliore della FederFarma di Pisa per un fattivo e nobile sostegno; ed è grazie all’ interessamento del noto attore e regista, nonché farmacista Renato Raimo che l’associazione FederFarma Pisa ha prontamente assicurato un proporzionato contributo all’iniziativa per il restauro delle decorazioni parietali e la loro valorizzazione attraverso una illuminazione mirata. Questa prima fase è stata realizzata anche con il contributo dell’Associazione Grazia Deledda, e un ulteriore sostegno arriverà dal Lions Pisa Certosa.

 

L’intervento di restauro è inserito nella piattaforma Art-Bonus che consente un credito di imposta pari al 65% dell’importo donato a chiunque effettui erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano; una piattaforma alla quale anche il semplice cittadino potrà aderire versando il suo contributo a sostegno del progetto.

 

 

Per informazioni:

sullo spettacolo e sugli artisti FB:

@SpogliatinelTempo    cell 3351294095

Associazione Amici della Certosa

Fabiola Franchi

Presidente Associazione degli Amici della Certosa di Pisa a Calci

Mobile: 335 5854401

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...