Roberto Panichi a Palazzo Medici Riccardi

panichi cover

Venerdì 8 settembre, ore 17.30-19.30,

nelle Sale Fabiani di Palazzo Medici Riccardi

(Firenze, via Cavour 1)

Sarà inaugurata la mostra

 “Sequenze orfiche. Martirologio della follia”

di Roberto Panichi

Interventi di Anita Valentini e Gianni Venturi

La mostra, patrocinata da Città Metropolitana di Firenze, dal Consiglio della Regione Toscana, dal Comune di Firenze e dal Comune di Rignano, sarà visitabile fino al 5 ottobre tutti i giorni con orario 9.00-18.30.
Ideazione e organizzazione della mostra a cura di ‘Modo Fiorentino’.
Catalogo: Polistampa

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fra i tanti interventi che in Catalogo presentano l’Artista,

pubblichiamo quello di Manlio Cancogni

La chiave sul mondo

Roberto Panichi è di Firenze; ma del fiorentino gli manca la superbia che fa credere a chi ha avuto la fortuna di nascervi, di poter fare da solo ignorando tuttociò che accade altrove.

A lui non basta sentirsi le spalle protette da tanti numi tutelari, Giotto, Masaccio, Paolo Uccello, Andrea del Ca­stagno e magari il Pontormo e il Rosso. Ha voluto e vuole guardare oltre le mura di casa. E ha visto moltissimo.

L’ampiezza e la varietà delle sue esperienze mettono sgo­mento. Nella sua pittura sembra passare tutta l’arte europea di questo secolo.

Non basta; oltre i riferimenti d’obbligo a Picasso, Matisse, Bracque, Kokoschka (mi limito a citare i maggiori) si in­travedono reminiscenze ottocentesche, e risalendo più ad­dietro nel tempo, barocche e rinascimentali. E ancora più oltre si possono scorgere le tracce di antichissime pitture murali, fino ai graffiti di popolazioni primitive ed ignote.

Non si tratta tuttavia di dotte citazioni, chiaramente in­dividuate e distinte. Panichi è certamente uomo di grande cultura; ma è soprattutto un artista, originale e diretto.

Intendo dire che per lui, vedere le cose attraverso il filtro della memoria figurativa (associando a un’immagine quelle che si sono sedimentate nel tempo, sovrapponendole, me­scolandole, scomponendo e ricomponendo, mischiando se­gni e colori) è un’operazione naturale. Fra l’artista e la realtà oggettiva, pare che dica, ci sono molte più cose di quanto comunemente si creda. E io, Roberto Panichi, fiorentino anomalo, ho la fortuna di vederle.

In una pittura così vitale ed eccitante è facile tuttavia smarrirsi, rischiando il naufragio. Ma Panichi non si lascia travolgere dalla propria inesauribile capacità evocativa.

Mentre si abbandona al gioco turbinoso delle correnti, tiene sempre lo sguardo al disopra dei flutti. E, ciò che conta, ci tiene gli occhi e l’intelligenza di chi lo sta a guardare.

Manlio Cancogni

(Da Opere 1989-1994. Metastoria della forma, Edizioni d’Arte Giorgio Ghelfi, Verona, 1995; “ARTE Mondadori”n. 296 aprile 1998)


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...