I filmati della inaugurazione della mostra Tradizione e Futuro

_DSC5570

 Santo Stefano degli Agostiniani, sabato 14 Novembre 2015.

Inaugurazione della mostra “Tradizione e Futuro”

Organizzata dalla Scuola di pittura iconografica Icona in Arte in collaborazione con la V. Arciconfraternita della Misericordia di Empoli.

Esposizione di opere pittoriche iconografiche contemporanee ispirate alla scuola dei maestri del passato come Andrej Rublëv e Teofane il Greco.

La mostra terminerà il 29 Novembre 2015

I filmati sono a cura di Alena Fialova’


Saluto e introduzione di Cinzia Agolino


Il saluto di Pier Luigi Ciari, Governatore della Misericordia di Empoli


L’intervento di Elena Meacci


L’intervento di Silvia Gasparrini


Chiusura di Cinzia Agolino


Annunci

Alla Galleria Filarete Art Studio di Empoli: Lucio Fontana, Manifesti Scritti Interviste

lucio fontana

Giovedì 19/11/2015 alle ore 21,00 presso Filarete Art Studio, Angela Sanna presenta il libro che ha recentemente curato per la casa Editrice Abscondita di Milano nella collana Carte d’Artisti:

Lucio Fontana, Manifesti Scritti Interviste

Chi dice che per fare dell’arte occorra proprio fare “cose difficili”? E chi dice che occorra servirsi dei mezzi tradizionali? – così si interroga Fontana. – Quando, per la prima volta, l’uomo ha sentito il desiderio di dipingere non aveva certamente a sua disposizione un pennello o una tela. […] Il primo fatto di pittura sarà stato un segno tracciato sulla sabbia. Millenni dopo quel segno si è trasformato in un gioco di colori su una tela. Ma nel futuro anche i colori sulla tela scompariranno, saranno cose del passato, consegnate alla storia e chiuse ormai alla vita. Domani l’arte può finire. Anzi io credo che l’arte del quadro finirà. Continua a leggere

Santo Stefano degli Agostiniani; mostra “Tradizione e Futuro”, le Icone Sacre. Le foto di Marcantonio Perugino

Questo slideshow richiede JavaScript.

Servizio fotografico di Marcantonio Perugino


PRESENTAZIONE MOSTRA “TRADIZIONE E FUTURO”

14 novembre 2015

di Elena Meacci

Questa mostra nasce dalla collaborazione di un gruppo di artisti, provenienti da esperienze personali diverse, che hanno dato vita nel 2009 al gruppo ICONA IN ARTE con l’intento di condividere con altri la passione per l’Arte, un’arte senza tempo, che si riallaccia alla più antica Tradizione e si proietta in avanti verso il Futuro con nuovi sviluppi e sperimentazioni. Dopo circa 2 anni, nel 2011, abbiamo presentato il risultato del nostro lavoro con una prima esposizione al pubblico nella città di Firenze. La mostra in seguito è stata ospitata in varie sale espositive, in Italia e all’estero. Per citarne qualcuna: sempre nel 2011 alla Fortezza di Montepulciano; alla Certosa di Pontignano vicino Siena nel 2012, alla Fortezza del Priamar di Savona e al Palazzo della Provincia di Arezzo nel 2014; in Austria, al Museo Ganghofer di Leutasch una prima volta nel 2012 e nel giugno scorso, insieme alla mostra, abbiamo tenuto un corso intensivo al termine del quale è stata celebrata una messa per la benedizione delle icone realizzate dagli allievi. Oggi siamo molto felici ed onorati di essere arrivati anche qui a Empoli.

Continua a leggere

Un nuovo spazio dedicato all’Arte, a Empoli: Filarete Art Studio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si inaugura a Empoli il nuovo spazio espositivo Filarete Art Studio.
Situato nei pressi della stazione ferroviaria, lo spazio dispone di una superficie espositiva di circa 100 mq e si prefigge di promuovere eventi relativi alle arti visive, alla musica e alla letteratura.
Il primo appuntamento in programma è previsto per sab. 17/10/2015 alle ore 18,00 con la mostra POST CLASSIC che vedrà coinvolti gli artisti: Frank Dituri, Luigi Fatichi, Massimo Innocenti e Mauro Manetti.
Tutti e quattro da anni portano avanti la loro ricerca con un occhio di riguardo all’arte del passato.
Nelle fotografie di Frank Dituri, si avverte il desiderio di rimarcare la propria identità culturale, attraverso una serie di scatti fotografici che riproducono iconografie sacre.
Nei lavori pittorici e grafici di Luigi Fatichi è palese l’attenzione verso l’arte classica greca e romana.
I paesaggi di Massimo Innocenti ci rimandano alle rinascimentali prospettive aeree di Leonardo da Vinci.
Nei mosaici e nelle sculture di Mauro Manetti affiora la nostalgia e
l’ammirazione per l’arte bizantina e per gli artisti medievali.
Corredata da un testo critico di Angela Sanna, la mostra resterà visibile fino al 20/11/2015
FILARETE ART STUDIO
Via Bellini n 29 Empoli (FI)

Continua a leggere

LA CROCIFISSIONE BIANCA DI MARC CHAGALL

Marc Chagall

DALLA MOSTRA DI PALAZZO STROZZI AL BATTISTERO DI SAN GIOVANNI

IN OCCASIONE DEL V CONVEGNO ECCLESIALE NAZIONALE A FIRENZE

La grande mostra Bellezza divina tra Van Gogh, Chagall e Fontana attualmente in corso a Palazzo Strozzi fino al 24 gennaio 2016 è un evento eccezionale, che vede la presenza di opere straordinarie provenienti da importanti musei internazionali, mai esposte prima in Italia, come la Crocifissione bianca di March Chagall proveniente dall’Art Institute of Chicago, opera emblematica del dialogo interreligioso tra Cristianesimo e Ebraismo, e l’opera d’arte che l’ancora Cardinal Bergoglio ha dichiarato essere la sua preferita.

Curata da Lucia Mannini, Anna Mazzanti, Ludovica Sebregondi e Carlo Sisi, l’esposizione nasce da una collaborazione della Fondazione Palazzo Strozzi con l’Ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, l’Arcidiocesi di Firenze e i Musei Vaticani e si inserisce nell’ambito delle manifestazioni organizzate in occasione del V Convegno Ecclesiale Nazionale, che si terrà a Firenze tra il 9 e il 13 novembre 2015.

Continua a leggere

Alla riscoperta di Piero Gambassi: gli inizi…

Piero Gambassi, pittore (1912-2002)

1942

La redazione ringrazia Marco Gambassi, per averci dato la possibilità di esaminare e pubblicare l’intero archivio fotografico delle opere di Piero Gambassi.

Pubblichiamo alcune rare riproduzioni dei primi lavori documentati, databili dagli anni 40 fino agli anni 50.

La ricerca geometrica spaziale, la divisione dello spazio del quadro con linee e tracciati armonici, ci parlano delle sue ricerche iniziali, tese a recuperare forme elementari, disposte nello spazio astratto in equilibri matematici.

(p.p.)

Dall'archivio

Dall’archivio “Piero Gambassi”


Gli uomini e l’Opera: un libro…

Questo slideshow richiede JavaScript.

OPERA VIVA. GLI UOMINI E LA STORIA

Opera viva è il titolo della mostra fotografica che, dal 7 novembre all’8 dicembre 2015,si terrà nel nuovo Museo dell’Opera del Duomo di Firenze, negli spazi dedicati alle esposizioni temporanee.E’ anche il titolo del libro che sarà donato a Papa Francesco nel giorno della sua visita a Firenze, il prossimo 10 novembre e il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza all’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze.

La mostra rende omaggio all’Opera di Santa Maria del Fiore e alle sue maestranze attraverso 96 ritratti, in grande formato bianco e nero, del fotografo Michele Pecchioli. Per la prima volta il pubblico potrà conoscere i volti e le storie delle persone impegnate nella straordinaria azione collegiale di conservazione del patrimonio artistico e culturale della Cattedrale di Firenze. Continua a leggere

Emilio Mancini: Intorno a Ferruccio Busoni

Intorno a Ferruccio Busoni

Miscellanea della Valdelsa, n. 119/120, pp. 125-127. Anno 1933

Dall’Archivio della Famiglia Mancini di Firenze

La redazione ringrazia Andreina Mancini per averci dato il permesso

di pubblicare alcuni articoli di Suo Padre, Emilio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ferruccio Busoni è all’ordine del giorno. Ci piace spigolare qual­che notizia su di lui apparsa in recenti pubblicazioni.

Francesco Monotti, per esempio, traccia un Ricordo di Ferruccio Busoni sulla rassegna milanese Comoedia (15 ott-15 nov.1932). Ivi, in un’intervista coll’insigne pianista polacco Zadora, discepolo del Busoni, è rievocata la figura del Maestro empolese, popolarissimo a Berlino per il suo famoso panciotto multicolore, il suo umore brioso, la sua passione per il bigliardo e quella pei bei libri. Del brillante articolo illustrato ci limitiamo a riportare la fine, in cui Zadora così conclude i suoi ricordi:  Busoni, morto nel 1924, sessantenne appena, è rimasto sino agli ultimi istanti della sua vita indiscutibilmente e solamente italiano, con un affetto e una nostalgia per il suo paese che forse solo i connazionali che l’avvicinavano potevano esattamente misurare. So che il suo lunghissimo soggiorno in Germania gli ha in parte nociuto presso certi italiani d’Italia, che han creduto vedere in lui un transfuga, un rinunciatario. Quale errore! L’arte segue certe sue necessità, certe sue correnti ideali che il voler comprimere sarebbe come il voler uccidere. Busoni trovò in Germania e specialmente a Berlino, quel clima spirituale, quel calore di consensi, quelle possibilità di vita, senza le quali probabilmente egli non sarebbe mai diventato l’impareggiabile Maestro che tutti ricordiamo, non avrebbe mai potuto onorare in questo modo il genio del suo paese e della sua razza. È vero. Busoni non era chauviniste. Si divertiva anzi a canzonare il patriottismo musicale e comico di un suo vecchio educatore, che gli aveva insegnato a credere che le « Nozze di Figaro » fossero state rubate dal « Matrimonio segreto » di Cimarosa, che gli ultimi episodi del « Faust » altro non fossero che imitazioni della « Divina Commedia », che il meglio di Bach fossero composizioni all’italiana, e che nessun straniero avrebbe mai potuto battere il record di Rossini, che aveva scritto il « Barbiere » in 21 giorni. Ma, esagerazioni a parte, guai poi a toccargliele quelle opere sacre al genio del suo popolo  L’Italia ha dato Busoni al mondo: è un fatto che tutti le riconoscono, anche se vari lieviti hanno operato in lui, han contribuito a produrre in lui quel raro miracolo che è l’arte. L’arte genera altra arte, la bellezza chiama la bellezza. Questa era l’idea fissa del maestro. Io credo che fra due grandi civiltà quali l’italiana e la tedesca, Busoni non può rappre­sentare che un altro ponte d’ unione, mai un germe di discordia. Continua a leggere