Arturo Tosi e altri della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti

Comunicato stampa

I frutti della terra

Saloncino delle Statue, Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, Firenze

22 settembre – 8 novembre 2015

Questo slideshow richiede JavaScript.

«La Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, in linea con l’Esposizione universale che si tiene a Milano e che ha per tema “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”, dedica un evento al pittore lombardo Arturo Tosi ed alla rappresentazione dei frutti della terra in pittura: immagini che, attraverso la vista, riescono ad alimentare i bisogni della mente mediante quel sentimento della natura continuamente presente in ognuno di noi.» (Simonella Condemi, Direttrice della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, Firenze).

La mostra espone infatti una serie di dipinti raffiguranti nature morte, dove protagonisti sono i frutti della terra. Ma per comprendere il linguaggio artistico e il profondo senso poetico che contraddistinguono le opere di questo maestro del secolo scorso è stato deciso di presentarle insieme  ad analoghi soggetti conservati nelle collezioni del museo e dipinti da artisti che con Tosi intrattennero un profondo legame di amicizia sia sotto il profilo professionale che umano: Filippo de Pisis (Ferrara 1896 – Milano 1956), Felice Carena (Cumiana 1879 – Venezia 1966), Felice Casorati (Novara 1886 – Torino 1963), Gianni Vagnetti (Firenze 1899 – 1956), Daphne Casorati Maugham (Londra 1897 – Torino 1982), Ardengo Soffici (Rignano sull’Arno 1879 – Forte dei Marmi 1964), Ottone Rosai (Firenze 1895 – Ivrea 1957), Carlo Carrà (Quargnento 1881 – Milano 1966), Alberto Salietti (Ravenna 1892 – Chiavari 1961).

Questo profondo legame con i principali protagonisti del panorama artistico italiano della prima metà del Novecento, è ampiamente documentato da una fitta corrispondenza inedita, conservata nella casa-studio di Rovetta e gestita dall’Associazione Arturo Tosi, di cui si dà conto in mostra attraverso l’esposizione di alcune lettere, e più diffusamente nel catalogo, nel puntuale e dettagliato saggio di Elena Pontiggia.

Di origine lombarde, nato a Busto Arsizio nel 1871, l’artista fu uno dei sostenitori negli anni Venti del secolo scorso del movimento artistico Novecento che, dopo le sperimentazioni delle avanguardie in particolare futuriste, indirizzava  gli artisti verso  un ritorno all’ordine che facesse riferimento all’antichità classica, oltre alla purezza delle forme e all’armonia nelle composizioni. Ognuno degli artisti esposti in questa mostra con Tosi, ebbe come lui chiare influenze da questo movimento anche se, per diversa sensibilità, declinate  in modo personale.

Il nucleo dei dipinti di Tosi in mostra appartiene agli eredi dell’artista e si data in un arco di tempo che va dagli anni Trenta al 1956, anno della sua morte. Tosi non datava infatti le sue opere ed è difficile tentare di farlo ricercandovi uno sviluppo stilistico, poiché, come sottolinea Maddalena Paola Winspeare, ricordando le parole di uno dei critici più entusiasti dell’arte di Tosi, Giulio Carlo Argan,  la sua pittura «più che lo svolgimento di un’idea, è un progressivo affinarsi del sentimento». Inoltre le sue nature morte, diversamente da quelle di tutti gli  amici e colleghi presenti in mostra, sembrano composte di solo colore che si fa materia cromatica, stesa  con grande libertà e con un esito sempre diverso. Per tale motivo seppure con tutti questi artisti strinse relazioni di stima ed amicizia, fu solo con de Pisis,  anche grazie alle affinità dell’espressione artistica, che l’amicizia sconfinò nella complicità testimoniata dall’opera del pittore ferrarese, dove è evidente la dedica , da cui il titolo del dipinto, W Tosi.

D’altro canto  la memoria di Arturo Tosi è presente nelle collezioni della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti già dal 1926, anno dell’acquisizione da parte della Commissione di un suo paesaggio, Le messe, alla Biennale veneziana, mentre l’ultimo ingresso  nelle collezioni dei musei statali fiorentini si data  al 2013 con la donazione  alla Galleria degli Uffizi dell’Autoritratto , da parte  dell’Associazione Arturo Tosi: quest’ultimo compare in mostra accanto ai due paesaggi (La messe e L’altopiano di Rovetta in settembre) di proprietà della Galleria d’arte moderna .

Possiamo affermare, usando le parole di Paola Grifoni che «la riflessione sulle collezioni del secolo scorso della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, culminata con la mostra Luci sul ‘900, dedicata al centenario del museo nel 2014, prosegue anche quest’anno, in omaggio al tema Expo, con la mostra I frutti della terra che vede protagonista Arturo Tosi» affiancato da colleghi di grande valore, ma che riconoscevano in lui il grande maestro della bella pittura italiana, attribuendogli così «quel ruolo centrale nell’ambito delle poetiche figurative novecentesche italiane per il quale viene ricevuto come uno dei massimi esponenti» (Simonella Condemi).

La mostra, come il catalogo edito da Sillabe, è a cura di Simonella Condemi e Maddalena Winspeare ed è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con il Segretariato regionale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo della Toscana, la Ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, Sillabe e Firenze Musei.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...