Bernard Berenson sul Caravaggio: delle sue incongruenze e della sua fama

Bernard Berenson,nel 1903, a villa i Tatti, Firenze

Bernard Berenson, nel 1903, a villa i Tatti

Da:

Del Caravaggio

Electa Editrice, Firenze 1951

Pagg. 32 – 33

“Questa volta mi occuperò del Caravaggio.”

Così inizia questo volume, uscito nel 1951, dove il grande critico americano si incontra e si scontra con Michelangelo Merisi, e quindi con i giudizi di Roberto Longhi, che di Michelangelo da Caravaggio fu il primo scopritore. E, come noto, il più grande esegeta.

Riportiamo un brano dove si parla del San Giovanni Battista che si conserva a Napoli, al museo Nazionale. “Fratello” della copia empolese, recentemente restaurata.

La redazione

…………………………………………….

Caravaggio, San Giovanni Battista, Napoli, Museo Nazionale

Caravaggio, San Giovanni Battista, Napoli, Museo Nazionale

Altre varianti esistono di seminudi in figura di Bat­tista: una sola merita d’essere mentovata qui. Ne ab­biamo due versioni, una a Napoli, l’altra — superiore e probabilmente l’originale — in vendita sul mercato londinese (la riproduce Longhi in Proporzioni, 1, fi­gura 18). Il Battista vi appare più adulto; siede ancora diagonalmente come nel quadro Spada, siede e rimu­gina; siede in uno spazio astratto, lo splendido corpo emergente in luce fra le tenebre.

Il contrasto fra questi giovani, ora atteggiati a medi­tabondi, lugubri Battisti, ora in figura di Bacco, seduce a dar loro un’interpretazione alla Walter Pater, il Pa­ter che scrisse l’Apollo in Piccardia e il Denis de l’Auxerrois. Invito il Warburg Institute ad applicare i suoi metodi a questo problema.

Il trapasso da questi aggrondati giovani Battisti al David della Borghese va da sè. Egli ci appare amara­mente infelice mentre brandisce la spada e stringe in pugno la chioma di Golia. Giovanissimo, ma non più ragazzo, sembra afflitto ed esitante, forse spaventato di ciò che ha fatto: comunque un inquieto, malsicuro vincitore. Nel Golia si dice che il Caravaggio ritraesse se stesso — ma di ciò più tardi. Il giovane corpo rilu­cente balza fuori da una picea oscurità in un isolamento assoluto. Ma quale testa e torso e braccio – degni di Lisippo!


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...