La differente Maniera…

Pontormo e Rosso: le divergenti strade della Maniera

Palazzo Strozzi

 Luglio 2014

 

di Paolo Pianigiani
 

Le foto degli interni della Mostra sono di Martino Margheri

Ringrazio Lavinia Rinaldi, addetta all’Ufficio Stampa e alle relazioni esterne

della Fondazione Palazzo Strozzi, per la cortese collaborazione

Pubblicato su Reality n. 72/2014

http://www.ctedizioni.it

 

Si è svolta a Palazzo Strozzi la splendida mostra dedicata ai due esponenti più tipici del Manierismo fiorentino. Nati lo stesso anno, il 1494, vissuti nella prima giovinezza nella Firenze dominata da forti tensioni religiose (il Savonarola, finito sul rogo nel 1498, lascerà un ricordo indelebile sulla città) e politiche, da contrasti di potere più o meno assoluto (i Medici) e sussulti di libertà repubblicane. Per non dire della Riforma Protestante di Lutero. In arte imperava il trio delle meraviglie inarrivabili: Leonardo, Raffaello e Michelangelo. Impossibile starci alla pari. Restava solo la via del superamento, del distacco, della riflessione personale, motivata e causata dalle profonda consapevolezza che con tali maestri non era possibile un scontro diretto. C’era il pensiero laterale, il diritto di percorrere strade diverse e più intime. Sempre con l’incubo del confronto perduto in partenza.

A differenza del comune Maestro, Andrea d’Agnolo di Francesco di Luca di Paolo del Migliore Vannucchi, il pittore senza errori, di soli otto anni più giovane di loro, che nell’equilibrio compositivo e cromatico delle sue tavole dipinte aveva trovato il giusto e apprezzato riscontro nella committenza del suo tempo, i due “pittori strani e diversi” andarono a cercare esiti e risultati in terreni meno scontati e tranquilli, pigliandosi rischi non di poco conto nella rumorosa esistenza di un artista in quegli anni difficili.

Più incline al personale logorìo interiore Jacopo, più estroso, coraggioso e battagliero Giovan Battista, rosso di pelo e di maniere spicce.

Tanto era timido il Pontormo, tanto era estroverso il Rosso. Chiuso a riflettere e a digiunare per tirchieria congenita nella casa di via Laura, con il ponte levatoio per accesso, l’uno, sperso per il mondo a cercare risse e pugnalate l’altro, in compagnia del fedele allievo servitore Battistino e del celeberrimo bertuccione addomesticato. Delle gesta del quale ci ha lasciato una storiella divertentissima il Vasari, quando ce lo descrive intento a distruggere per vendetta la stanza di un fraticello, che lo aveva sorpreso a rubare l’uva del perticato di un convento e lo aveva fatto punire dai Signori Otto di Guardia e di Balia.

Trovarono ciascuno il proprio spazio e la propria strada: per il Pontormo la sua Firenze, la città granducale dominata da Cosimo I, e per il Rosso la corte francese di Fontainebleau, luogo di piaceri e di svaghi in uso a Francesco I, Re di Francia.

Adesso i loro dipinti e i loro disegni dialogano, messi a confronto nelle splendide sale di palazzo Strozzi. Sembra di sentirli parlare, attraverso le loro opere, così diverse ma che hanno tanto in comune.

Per esempio la comune padronanza del disegno, lo stridere dei colori, l’irruenza ansiosa degli sguardi. La rottura voluta delle regole compositive, o l’intrusione di personaggi allucinanti che ogni tanto escono dai fondi oscuri ad aggiungere mistero ai racconti. Come nella grande pala d’altare, che il Rosso dipinse per i Ginori, a San Lorenzo a Firenze. Si tratta delle movimentate nozze di Maria, con un San Giuseppe giovanissimo, al contrario di come viene sempre rappresentato.

Due parti della stessa medaglia, due figli illegittimi del loro tempo. Ma è a loro due che si pensa, quando si va oltre la bellezza infinita di Michelangelo, Raffaello e Leonardo: a cercare quel legame nervoso e modernissimo che ci lega a quegli anni lontani, pieni di creatività e di passione.

Sposalizio della Vergine_Rosso Fiorentino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...